consulente Rspp

Decreto legislativo 81/08

Il decreto legislativo 81/08 per la sicurezza sul lavoro

Il decreto legislativo 81/08 ha stabilito che il datore di lavoro deve organizzare il suo servizio di prevenzione e protezione.

Un primo passo è senza ombra di dubbio la valutazione dei rischi all’interno della propria azienda che abbia almeno un lavoratore.

Ma quali sono i rischi da valutare?

I rischi sono molteplici, ma non sono presenti in tutte le attività, quindi è necessario valutarli. I rischi sono diversi e possono essere quelli provenienti dagli agenti fisici, quale rumore, vibrazione, campi elettromagnetici, quelli biologici, i rischi organizzativi, la movimentazione manuale dei carichi, i videoterminalisti, i rischi igienico sanitari, i rischi strutturali, i rischi per la presenza di amianto, ecc.

Solo dopo un attenta analisi, come un sopralluogo visivo dei processi e degli ambienti di lavoro, di eventuali indagini strumentali, qualora vi sia bisogno, delle esposizioni dei lavoratori, si potrà redigere il documento di valutazione dei rischi e le relative misure di prevenzione e protezione.

Il servizio di prevenzione e protezione che cos’è?

E’ sicuramente l’insieme dei mezzi, persone, organizzazione del lavoro, procedure, formazione dei lavoratori.

Il datore di lavoro pertanto deve ricorrere a figure altamente specializzate per poter effettuare un corretta valutazione dei rischi ed un adeguata scelta delle misure tecniche, organizzative e procedurali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *