change management riorganizzazione aziendale

Cambiamento in azienda… Affrontarlo o evitarlo?

Change Management e riorganizzazione aziendale

Il mondo è cambiato e nessuno lo misura, pochi ne parlano, molti lo evitano, ma tutti sono chiamati ad affrontarlo.
Imprenditori e Manager tanto più sono brillanti e affermati tanto più lo apprezzano e lo vivono con la testa prima ancora che con i fatti.
Il cambiamento può essere definito come qualsiasi evento richieda all’organizzazione un adeguamento dei propri obiettivi o delle modalità per raggiungerli, agendo coerentemente su tutti i livelli dell’organizzazione. Il cambiamento ha un impatto su tutte le dimensioni dell’organizzazione.
L’approccio al cambiamento a livello aziendale determina il successo o meno di ogni azione innovativa, sia a livello tecnologico, sia a livello gestionale e umano.

L’obiettivo del cambiamento è ottenere maggiori performance aziendali :

L’organizzazione può raggiungere gli obiettivi di performance attraverso l’allineamento delle strategie con la leadership, la cultura e i valori. Questi elementi producono un contesto interno adeguato e una struttura organizzativa in cui i gruppi di lavoro possono raggiungere alte performance.

Il cambiamento in azienda può presentare ampiezza e profondità diverse a seconda degli obiettivi che si vogliono perseguire e dell’ambito di azione e possono riguardare

  • OTTIMIZZAZIONE PARZIALE E LOCALE
  • RAGGIUNGIMENTO DI UNA BEST PRACTICE
  • CREAZIONE DI UNA BEST PRACTICE
  • RIDEFINIZIONE DELL’INDUSTRY

Quali sono le reazioni al cambiamento?

Durante i processi di cambiamento all’interno dell’organizzazione si sviluppano diverse reazioni che, nella maggior parte dei casi, sono ripercorribili attraverso l’analisi di una curva di accettazione individuale del cambiamento.

  1. Negazione
  2. Incertezza
  3. Resistenza
  4. Accettazione
  5. Adattamento
  6. Miglioramento

Alla luce delle reazioni che il cambiamento provoca fra i membri dell’organizzazione, il processo di change management deve essere programmato e sviluppato con l’obiettivo di gestire le reazioni e diminuire l’impatto che queste possono avere sulle performance.

Il cambiamento deve essere gestito affinché siano minimizzati il periodo di caduta delle performance (ampiezza) e il livello (profondità).

Testimonianza del Dott. Enrico Martines, Direttore Formazione & Sviluppo di Hewlett Packard Italia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *